Commenti Viaggi - Home page
Viaggi
Usucapione giardino condominiale
ubuntulearner 21 Set 2010 01:32
Salve a tutti, avrei una domanda da porre: abito in una palazzina
bifamiliare, precedentemente abitata dai miei nonni.
In tale palazzina è presente un piccolo giardino in comune, sebbene
per tacita convenzione sia sempre successo che una parte fosse stata
"assegnata" all'appartamento di mio nonno e l'altra a quella
dell'altro condomino (niente di scritto, giusto un accordo verbale
fatto 60 anni fa se non prima ancora).
Il giardino non è mai stato recintato e la divisione è sempre rimasta
così, verbale e tutto sommato aleatoria (nel senso che nessuno aveva
mai preso in mano un metro per sapere ocn esattezza dove arrivava il
confine). Di fatto il giardino nel complesso è sempre stato trascurato
da tutti e due i condomini e solo di recente abbiamo cercato di
riportarlo ad uno stato degno di un paese civile.
I vecchi proprietari infatti sono morti già da alcuni anni, io sono
andato ad abitare nell'appartamento di mio nonno mentre l'erede
dell'altro condomino ha affitato il suo; proprio con tale inquilino,
appassionato di giardinaggio e geloso dei suoi fiori, avevo pensato di
dividere in due il giardino con una rete, così io ogni tanto potevo
tenere cani e figli mentre lui poteva piantare tutti i fiori che
voleva senza che nessuno desse mai noia all'altro.
Il proprietario dell'altro appartamento però dice che la divisione non
può essere fatta a metà ma il suo pezzo è di circa 3 quarti del
totale.
Non ha niente di scritto, parla di "usucapione" mentre io, ovviamente,
non sono d'accordo; non voglio rubare niente a nessuno ma non vorrei
nemmeno rimetterci. Di certo non metto la rete nei confini che dice il
proprietario dell'altro appartamento perchè vorrebbe dire accettare di
fatto la divisione.
Per poter parlare di usucapione uno dei confinanti non avrebbe dovuto
Repliche totali: 6 | Visualizza messaggio singolo

 
Giacomo Obbligazione 21 Set 2010 09:10

"ubuntulearner" <ubuntulearner@gawab.com> ha scritto nel messaggio
news:29eb9c78-da36-45a2-be87-90074d5d9f01@q2g2000vbk.googlegroups.com...
Salve a tutti, avrei una domanda da porre: abito in una palazzina
bifamiliare, precedentemente abitata dai miei nonni.
In tale palazzina è presente un piccolo giardino in comune, sebbene
per tacita convenzione sia sempre successo che una parte fosse stata
"assegnata" all'appartamento di mio nonno e l'altra a quella
dell'altro condomino (niente di scritto, giusto un accordo verbale
fatto 60 anni fa se non prima ancora).
Il giardino non è mai stato recintato e la divisione è sempre rimasta
così, verbale e tutto sommato aleatoria (nel senso che nessuno aveva
mai preso in mano un metro per sapere ocn esattezza dove arrivava il
confine). Di fatto il giardino nel complesso è sempre stato trascurato
da tutti e due i condomini e solo di recente abbiamo cercato di
riportarlo ad uno stato degno di un paese civile.
I vecchi proprietari infatti sono morti già da alcuni anni, io sono
andato ad abitare nell'appartamento di mio nonno mentre l'erede
dell'altro condomino ha affitato il suo; proprio con tale inquilino,
appassionato di giardinaggio e geloso dei suoi fiori, avevo pensato di
dividere in due il giardino con una rete, così io ogni tanto potevo
tenere cani e figli mentre lui poteva piantare tutti i fiori che
voleva senza che nessuno desse mai noia all'altro.
Il proprietario dell'altro appartamento però dice che la divisione non
può essere fatta a metà ma il suo pezzo è di circa 3 quarti del
totale.
Non ha niente di scritto, parla di "usucapione"



Usucarpire e' un modo di acquistare la prorpieta' , se c'e' usocapione ,
fatti consegnare la sentenza.
Se l sentenza non c'e' , :::::::::::::::::
Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
ubuntulearner 21 Set 2010 10:44
> Se il giardino e' uno , dal punto di vista della comunione dovete essere
> tutti e due a decidere la divisione , se lui vuole 3/4 e tu 1/2 , non si fa
> , bisogna arrivare ad un compromesso.
> Fer,o restando che non acquisite la prorpieta'  ma state solo suddividendo
> l'uso.

OK grazie della risposta. Ma se tra una settimana il proprietario
dell'altro appartamento mi portasse in tribunale per l'usucapione,
avrebbe qualche possibilità di vincere?

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Giacomo Obbligazione 21 Set 2010 10:51

"ubuntulearner" <ubuntulearner@gawab.com> ha scritto nel messaggio
news:5500e60d-4239-488f-a74f-a172650bcced@q18g2000vbm.googlegroups.com...
> Se il giardino e' uno , dal punto di vista della comunione dovete essere
> tutti e due a decidere la divisione , se lui vuole 3/4 e tu 1/2 , non si
> fa
> , bisogna arrivare ad un compromesso.
> Fer,o restando che non acquisite la prorpieta' ma state solo suddividendo
> l'uso.

OK grazie della risposta. Ma se tra una settimana


Tra una settimana ?? in quale libro di fantascenza lo hai letto'?



il proprietario
dell'altro appartamento mi portasse in tribunale per l'usucapione,
avrebbe qualche possibilità di vincere?


E chi sono io per dirlo??

DIpende dalle carte , dalle prove , comunque queste cause potrebbero essere
lunghe e secondo me inutili , difficilmente in un condominio aperto si puo'
dimostrare l'uso esclusivo , specie senza recinzioni.
Le cause sono anche molto costose.
Secondo me il tuo vicino parla a vanvera



Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Mario 21 Set 2010 11:56
On 20 Sep 2010 16:32:43 -0700 (PDT) ubuntulearner wrote:

>Il giardino non e` mai stato recintato e la divisione e` sempre rimasta
>cosi`, verbale e tutto sommato aleatoria (nel senso che nessuno aveva
>mai preso in mano un metro per sapere ocn esattezza dove arrivava il
>confine). Di fatto il giardino nel complesso e` sempre stato trascurato
>da tutti e due i condomini e solo di recente abbiamo cercato di
>riportarlo ad uno stato degno di un paese civile.
>I vecchi proprietari infatti sono morti gia` da alcuni anni, io sono
>andato ad abitare nell'appartamento di mio nonno mentre l'erede
>dell'altro condomino ha affitato il suo; proprio con tale inquilino,
>appassionato di giardinaggio e geloso dei suoi fiori, avevo pensato di
>dividere in due il giardino con una rete, cosi` io ogni tanto potevo
>tenere cani e figli mentre lui poteva piantare tutti i fiori che
>voleva senza che nessuno desse mai noia all'altro.
>Il proprietario dell'altro appartamento pero` dice che la divisione non
>puo` essere fatta a meta` ma il suo pezzo e` di circa 3 quarti del
>totale.
>Non ha niente di scritto, parla di "usucapione" mentre io, ovviamente,
>non sono d'accordo; non voglio rubare niente a nessuno ma non vorrei
>nemmeno rimetterci. Di certo non metto la rete nei
Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Giulia 25 Set 2010 12:51
> No, avrebbe dovuto "possederlo", la recinzione e` un buon inizio
Ma non basta, perche gia dicendo che serve per il cane dimostra che non e' sua intenzione usucapire ma
fare un semplice uso diverso della proprieta comune probabilmente tollerabile dall altro comunista....
Deve mettere nero su bianco che vuole usucapire(con RR) e aspettare i venti anni...

Giulia

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio