Commenti Viaggi - Home page
Viaggi
regolarizzare colf italiana
balthazar 17 Set 2010 10:48
Saluti,
ho una colf italiana che lavora in nero part time a casa mia da sei
mesi. Vorrei regolarizzare la situazione, versando i contributi anche
per i sei mesi di lavoro gia' trascorsi. E' questo possibile?
Come dovrei procedere? Grazie

Repliche totali: 6 | Visualizza messaggio singolo

 
Giacomo Obbligazione 17 Set 2010 18:36

"balthazar" <au_hasard_balthazar@libero.it> ha scritto nel messaggio
news:17402da5-86d4-474e-8a74-8d0c83017848@n7g2000vbo.googlegroups.com...
> Saluti,
> ho una colf italiana che lavora in nero part time a casa mia da sei
> mesi. Vorrei regolarizzare la situazione, versando i contributi anche
> per i sei mesi di lavoro gia' trascorsi. E' questo possibile?
> Come dovrei procedere? Grazie



commercialisti ????

comunque esistono per l'immediato i buoni postali che sono comodi



Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Parsifal 17 Set 2010 20:12
Il Fri, 17 Sep 2010 01:48:00 -0700 (PDT), in it.diritto, balthazar,
dichiarava:
> Saluti,
> ho una colf italiana che lavora in nero part time a casa mia da sei
> mesi. Vorrei regolarizzare la situazione, versando i contributi anche
> per i sei mesi di lavoro gia' trascorsi. E' questo possibile?
> Come dovrei procedere? Grazie
L'ottimo sono i voucher dell'INPS
http://www.inail.it/Portale/appmanager/portale/desktop?_nfpb=true&_pageLabel=PAGE_NEWS&nextPage=Primo_Piano/info1539109854.jsp

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
balthazar 18 Set 2010 13:47
On 17 Set, 20:12, Parsifal <parsi...@people.it> wrote:
> Il Fri, 17 Sep 2010 01:48:00 -0700 (PDT), in it.diritto, balthazar,
> dichiarava:> Saluti,
> > ho una colf italiana che lavora in nero part time a casa mia da sei
> > mesi. Vorrei regolarizzare la situazione, versando i contributi anche
> > per i sei mesi di lavoro gia' trascorsi. E' questo possibile?
> > Come dovrei procedere? Grazie
>
> L'ottimo sono i voucher dell'INPShttp://www.inail.it/Portale/appmanager/portale/desktop?_nfpb=true&_pa...

Grazie, ma il problema e' che la lavoratrice italiana e' in nero da
sei mesi, per cui io per sanare la situazione dovrei autodenunciarmi.
Volevo sapere a che cosa vado incontro.

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Macs 18 Set 2010 17:09
Ciao

balthazar ha scritto:
>
> la lavoratrice italiana e' in nero da sei mesi, per cui io per sanare
> la situazione dovrei autodenunciarmi.
> Volevo sapere a che cosa vado incontro.

Autodenunciandosi, occorre provvedere al pagamento in soluzione unica
o rateizzata delle somme dovute ad INPS (& eventualmente anche alla
Agenzia delle Entrate [*]) comprensive delle sanzioni amministrative
(mancata comunicazione al Centro per l'impiego & iscrizione all'INPS) +
civili (mancato pagamento dei contributi INPS), che verranno determinate
'al minimo' proprio in virtu' di un'autodenuncia spontanea da parte del
datore di lavoro (e non invece in seguito p.es. a verbale/denuncia da
parte della Direzione Provinciale del lavoro) :
==
- http://www.inps.it/newportal/default.aspx?itemdir=6492 - http://www.uppi-bologna.it/images/15tecni/f2tecn19.htm
[*] Tali sono previste qualora - in rapporto ad un arco annuale di 12
mesi - venga erogata una retribuzione imponibile > 8000 Euro (al
netto quindi della quota contributiva) -> la cifra di soglia va
ovviamente riproporzionata nel caso di mesi < 12 lavorati nel corso
di un anno solare :

limite_netto = 8000 * (numero_mesi / 12)


Dato che la lavoratrice in questione e' italiana, non sono previste a
carico del datore di lavoro sanzioni penali (come invece previsto p.es.
in caso di lavoratore extracomunitario sprovvisto di adeguato titolo di
soggiorno).


Puoi effettuare un calcolo preliminare
Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
balthazar 18 Set 2010 17:46
On 18 Set, 17:09, Macs <maxse...@despammed.com> wrote:
> Ciao
>
> balthazar ha scritto:
>
>
>
> > la lavoratrice italiana e' in nero da sei mesi, per cui io per sanare
> > la situazione dovrei autodenunciarmi.
> > Volevo sapere a che cosa vado incontro.
>
> Autodenunciandosi, occorre provvedere al pagamento in soluzione unica
> o rateizzata delle somme dovute ad INPS (& eventualmente anche alla
> Agenzia delle Entrate [*]) comprensive delle sanzioni amministrative
> (mancata comunicazione al Centro per l'impiego & iscrizione all'INPS) +
> civili (mancato pagamento dei contributi INPS), che verranno determinate
> 'al minimo' proprio in virtu' di un'autodenuncia spontanea da parte del
> datore di lavoro (e non invece in seguito p.es. a verbale/denuncia da
> parte della Direzione Provinciale del lavoro) :
> ==

Macs, ti adoro.
Una ultima domanda. Nelle mie ricerche in rete ho letto che, con
riferimento alle legge 388/2000 art.116 c.8 lett.b, l'evasione
contributiva denunciata spontanenamente entro 12 mesi dal termine
stabilito per il pagamento ha una sanzione pari a quella prevista per
l'omissione contributiva (circa l'8-10%). Non si applicano percio' le
salatissime sanzioni una tantum
Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio
 
Macs 19 Set 2010 04:37
Ciao

balthazar ha scritto:
>
> Macs, ti adoro.

Thanks ;).

> Una ultima domanda. Nelle mie ricerche in rete ho letto che, con
> riferimento alle legge 388/2000 art.116 c.8 lett.b, l'evasione
> contributiva denunciata spontanenamente entro 12 mesi dal termine
> stabilito per il pagamento ha una sanzione pari a quella prevista per
> l'omissione contributiva (circa l'8-10%). Non si applicano percio' le
> salatissime sanzioni una tantum che sono state inasprite con la legge
> 248/2006 (minimo di 3000 euro). Risulta anche a te, o c'e' stato
> qualche aggiornamento?

Premessa doverosa : per vari motivi sono piu' 'ferrato' in merito alle
procedure/circolari sull'emersione EM2009 ('sanatoria' colf/badanti
prevista dalla legge 3 agosto 2009, n.102, articolo 1-ter) -> cerco
quindi di darti una risposta, suggerendoti comunque una verifica
ulteriore (*soprattutto* per quanto riguarda il computo complessivo
delle sanzioni amministrative + civili previste per il tuo caso).

Gli aggiornamenti importanti per il tuo caso ('black' da 6 mesi) erano
semmai collegati al DDL 1167-B, che avrebbe appunto in ogni caso escluso
i datori di lavoro domestici dalle maxi-sanzioni per regolarizzazione
del rapporto di lavoro sommerso mediante autodenuncia prima di incorrere
in contestazioni/richieste DPL/INPS, rimodulando le sanzioni sia
amministrative che civili -> aggiornamenti pero' 'saltati' in virtu' del
rinvio da parte del Presidente della Repubblica in data 31/03/2010.

Visualizza messaggio singolo | Torna all'inizio